Rhêmes-Notre-Dame

Aquila nazista, "dissequestro cancelli"

E' stata presentata al tribunale di Aosta una richiesta di riesame contro il decreto che ha posto sotto sequestro due cancelli esterni di un immobile di via IV novembre a Saint-Vincent, perché raffiguranti - secondo la procura - l'aquila nazista e i triangoli usati sulle divise dei prigionieri nei campi di concentramento. I giudici devono ancora riunirsi per la decisione. L'istanza è della difesa del proprietario dell'immobile, Fabrizio Fournier, di 54 anni. Il provvedimento di sequestro probatorio, che secondo gli inquirenti è utile ai fini delle indagini, non impedisce l'uso dei cancelli. Propaganda e istigazione a delinquere per motivi di discriminazione razziale etnica e religiosa è il reato per il quale procede il pm Francesco Pizzato. Durante le perquisizioni del 4 gennaio, la Digos aveva trovato - coperta su un soffitto di un'area comune - una svastica in rilievo, oltre a scritti che gli investigatori ritengono di stampo nazista. Sulla vicenda aveva depositato un esposto la comunità ebraica.

ARTICOLI CORRELATI

Altre notizie